Servizio Civile Nazionale

 
Header contenuto di sinistra
sezione servizio civile nazionale
sezione servizi online
sezione bandi
sezione banca dati
sezione volontari

Consulta Nazionale per il Servizio Civile

La Consulta Nazionale per il Servizio Civile (Consulta), istituita con legge 8 luglio 1998 n. 230, è un organismo permanente di consultazione, riferimento e confronto per l’Ufficio Nazionale del Servizio Civile.
L’organizzazione e l'attività della Consulta, la nomina dei membri e la durata del loro incarico sono stabilite con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.

La Consulta oggi

Nominata con DPCM 7 dicembre 2018 secondo le modalità previste dalla previgente normativa (articolo 10 della legge n. 230 del 1998), considerato che non si può procedere alla nomina dei componenti della Consulta nazionale per il servizio civile universale, secondo le modalità previste dal citato articolo 10 del decreto legislativo n. 40 del 2017, in quanto non è possibile individuare i componenti da designare in rappresentanza degli enti iscritti all’Albo universale, essendo ancora efficaci i previgenti albi di servizio civile nazionale.

E’ costituita da 15 membri, così distribuiti:

  • 8 in rappresentanza degli enti e dei loro organi rappresentativi,
  • 1 rappresentante della Conferenza Stato-Regioni,
  • 1 rappresentante del Dipartimento della Protezione Civile,
  • 1 rappresentante dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani,
  • 4 rappresentanti dei volontari di SCN.

La nuova consulta rimarrà in carica in relazione al periodo transitorio, articolo 26 del decreto legislativo n. 40 del 2017, secondo cui “Fino all’approvazione del primo Piano triennale, il servizio civile universale si attua, in via transitoria, con le modalità previste dalla previgente normativa in materia di servizio civile nazionale”;

Attuale composizione

 

Un po' di storia

La prima Consulta (DPCM 29 aprile 1999) si è riunita il 21 giugno 1999 ed ha eletto Presidente il dott. Licio Palazzini e Vice Presidente il dott. Massimo Paolicelli.

L'esigenza di integrare la composizione della Consulta con rappresentanti delle Regioni (legge 6 marzo 2001 n. 64, Decreto legislativo n.77 del 2002) ha determinato la sua prima modifica.

La legge 16 gennaio 2003 n. 3 ne ha rivisto, pertanto, il numero e la rappresentanza dei membri: “la Consulta nazionale per il servizio civile è composta da non più di quindici membri, nominati con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri o del Ministro da lui delegato, scelti in maggioranza tra rappresentanti degli enti e delle organizzazioni, pubblici e privati, che impiegano obiettori di coscienza e volontari del servizio civile nazionale ovvero dei loro organismi rappresentativi, nonché tra rappresentanti degli obiettori di coscienza e dei volontari, delle Regioni e delle amministrazioni pubbliche coinvolte" (art. 3).

La Consulta, allo scadere del periodo dei tre anni di permanenza in carica, è stata ricostituita con DPCM 17 marzo 2003 e DPCM 28 aprile 2006.

Successivamente la Consulta (ricostituita con DPCM 27 ottobre 2010), è stata oggetto di alcune modifiche ed integrazioni (DPCM 13 gennaio 2011, DPCM 21 settembre 2011 e DPCM 16 aprile 2012).

Il 7 agosto 2012 il Parlamento approva la legge n.135 di conversione del D.L. 6 luglio 2012 n. 95, cosiddetta "spending review" e, nell’ottica di revisione della spesa pubblica, sono soppressi gli organismi di rappresentanza. La Consulta è abolita. E’ successivamente riconfermata quale organismo collegiale (art.1, comma. 257 della legge n.228, del 24 dicembre 2012) e si procede alla sua ricostituzione con DM 19 aprile 2013, modificato con successivi decreti (DM 25 giugno 2013DM 15 luglio 2014 e DM 27 ottobre 2014); DM 25 novembre 2015; DM 28 dicembre 2015; DM 28 giugno 2016; DM 13 settembre 2016; DM 8 maggio 2018; DPCM 6 agosto 2019

Confermata con DM 30 giugno 2015 e prorogata con DM 25 novembre 2015 e con DM 12 dicembre 2016 sino al completamento del procedimento legislativo concernente la delega al Governo per la disciplina del servizio civile universale. 

Nomina con DPCM 7 dicembre 2018 dei componenti della Consulta secondo le modalità previste dalla previgente normativa (articolo 10 della legge n. 230 del 1998), considerato che non si può procedere alla nomina dei componenti della Consulta nazionale per il servizio civile universale, secondo le modalità previste dal citato articolo 10 del decreto legislativo n. 40 del 2017, in quanto non è possibile individuare i componenti da designare in rappresentanza degli enti iscritti all’Albo universale, essendo ancora efficaci i previgenti albi di servizio civile nazionale. La nuova consulta rimarrà in carica in relazione al periodo transitorio, articolo 26 del decreto legislativo n. 40 del 2017, secondo cui “Fino all’approvazione del primo Piano triennale, il servizio civile universale si attua, in via transitoria, con le modalità previste dalla previgente normativa in materia di servizio civile nazionale”;

 

Le funzioni di Segreteria della Consulta sono svolte dal Servizio del Personale e Affari Generali.

Segreteria della Consulta Nazionale per il Servizio Civile
Via della Ferratella in Laterano 51 - 00184 Roma

Orlanda Cascioli tel. 06.67794027
Stefano Antonucci tel. 06.67794303
email: segreteriaconsulta@serviziocivile.it

 

Documenti Consulta SC

Data ultimo aggiornamento: 02/09/2019
Header contenuto di destra
sezione regioni e provincie autonome cartina dell'italia Servizio Civile Universale Archivio storico sull'obiezione di coscienza
regione sardegna regione piemonte regione lombardia regione friuli venezia giulia regione valle d'aosta regione marche regione toscana regione umbria regione lazio regione abruzzo regione molise regione basilicata regione campania regione puglia regione calabria regione emilia romagna regione liguria regione veneto provincia autonoma di bolzano provincia autonoma di trento regione sicilia

Sito ottimizzato per Internet Explorer 9