Servizio Civile Nazionale

 
Header contenuto di sinistra
sezione servizio civile nazionale
sezione servizi online
sezione bandi
sezione banca dati
sezione volontari

MARISA GAUDIO marisagaudio@tiscali.it

Una mia professoressa mi diceva che “la vita è sempre pronta ad offrire una seconda possibilità”, io credo di averne avuta più di una, ma è proprio con il Servizio Civile che questa opportunità data ha iniziato a prendere forma. Ha permesso me stessa di poter vedere e toccare con mano quello spiraglio, quella vita di cui tanto sentivo parlare. È stato la possibilità di rimettermi alla prova e a servizio degli altri, proprio una delle cose che più amo o meglio è una cosa che mi rende serena dentro poter fare qualcosa per qualcuno. Inizialmente non sapevo cosa aspettarmi se non sapere di essere una volontaria che si sarebbe messa a servizio della comunità, portando il proprio contributo o combattendo delle battaglie nelle forme più giuste. A ben pensarci se torniamo a ritroso e pensiamo a chi ci ha preceduti oggi abbiamo molte più varianti e possibilità di far valere con il bene le cause che riteniamo degne di essere ascoltate e risolte, o ancora abbiamo a disposizione una grande variante di forme di aiuto che possiamo prestare in servizio agli altri. Poi con il passare del tempo ho appreso quanto il Servizio Civile, il progetto mi ha assorbita in pieno facendo venir fuori: volontà, impegno, dedizione ed energia per quello che ero stata chiamata a fare. Anche se non svolgo un progetto che sia a livello sociale, ma che riguarda l’ambiente e vivendo altresì una piccola realtà, mi sono resa conto quanto quel poco che a me sembra è invece diventato un gran sostegno alla comunità e non c’è soddisfazione più grande ogni giorno di sapermi impegnata in questa attività, di aver fatto almeno un’azione o tenuto un comportamento che abbia contribuito ad aiutare qualcuno. Mi ha consentito di introdurmi nella vasta rete della società, di farmi comprendere anche il valore dei rapporti, di relazionarmi con persone e situazioni differenti e di tutto quello che ruota intorno a questa esperienza. In termini di crescita è stato un vero e proprio investimento che ha dato alla luce dei risultati che neanche mi sarei immaginata, sia dal punto di vista umano che professionale. Spesso noi ragazzi sottovalutiamo o trascuriamo quanto questi 12 mesi possano portare ad un mutamento e a darci in termini di arricchimento sia personalmente che sul piano lavorativo. In tanti si avvicinano anche per una questione economica, per iniziare ad essere indipendenti o per poter dare una mano alla propria famiglia, ma niente toglie il fatto che se svolto con impegno, volontà, qualità e passione ci ritroviamo tutti d’accordo sul valore e sul fine che racchiude questa esperienza. Non sono la persona che promette se non conosce o non può farlo, non sono qui ad elencarvi tutte le solite liste, ma bensì ho giusto qualche punto che ritengo importanti e possibili ad un confronto e miglioramento. Anche perché mi affaccio per la prima volta a questa esperienza e potrà sembrare strano ma noi volontari, siamo una parte sì fondamentale, ma una parte di tutto ciò che c’è dietro al Servizio Civile e per questo ho intenzione di impegnarmi, conoscere, approfondire quest’altra realtà in modo tale da poter lavorare nei migliori dei modi per tutti voi. Vorrei essere per tutti voi un - portavoce, mi troverete sempre disponibile all’ascolto delle diverse problematiche o idee che avrete a cuore facendo in modo di accoglierle e dar loro una voce ed essere in grado di dare riscontri concreti alle richieste che poi nascono nella realtà quotidiana di ognuno di voi. Capita che noi giovani ci sentiamo abbandonati a noi stessi, ecco vorrei diventare per tutti un punto di riferimento che con impegno e presenza si dedicherà ai volontari e a questa nuova esperienza cercando di dare sempre maggiori stimoli ad ogni singolo e al progresso di del Servizio Civile. Essere da referente a chi ancora più di noi lavora quotidianamente a stretto contatto al tavolo delle scelte: decidere il meglio per una parte di popolazione che si offre volontaria al bene dello Stato. Vorrei poter essere da supporto e di aiuto a tutti voi in modo tale farvi vivere al meglio questa esperienza che ho avuto la possibilità di intraprendere. Cercare di essere presente non solo tra voi volontari, ma anche con gli enti, i rappresentati in maniera tale da creare un filo condutture che lavori costantemente e dia la possibilità di un frequente confronto tra le varie figure. - Proprio perché non vorrei che la mia esperienza resti vana, sarebbe importante poter lavorare sul potenziamento dello strumento del Servizio Civile sotto due aspetti: 1. la possibilità di ampliare la squadra del Servizio Civile, facendo in modo che tutti i volontari che risultino “idonei” alle selezioni possano vivere questo anno di piena cittadinanza attiva e creando così un punto di partenza per un futuro. Poiché credo che bisogna valorizzare materialmente il concetto che il Servizio Civile non è solo un’esperienza momentanea, che una volta finito sentirsi di non avere neanche le basi o qualcosa in mano per un futuro lavorativo ed è qui che nasce l’aspetto n.2 secondo il quale bisognerebbe approfondire la posizione del Servizio Civile rispetto al mondo lavorativo, cercando di far acquisire ai volontari più formazione possibile a livello lavorativo, con l’accompagnamento quotidiano di una figura che possa sostenerli in questo percorso di costruzione del proprio futuro, riuscendo così ad inserire con più facilità più giovani possibili in un sistema professionale che ha un forte bisogno anche di noi. - Credo pure che tutto ciò sia possibile anche attraverso ad una stabilizzazione di fondi per il Servizio Civile e sono fortemente convinta che tutti noi passati, attuali e futuri volontari, tutti i vari individui che fanno parte del sistema ed il nostro Paese si meriti che lo Stato riesca a riservare per una giusta causa dei precisi e consistenti fondi, così da poter dare vita ad una stupenda squadra di giovani che vuole prendersi cura del prossimo e del proprio paese. - In conclusione manca una delle cose fondamentali secondo me per poter ottenere e applicare tutto ciò detto precedentemente: favorire molti più incontri tra volontari sia a livello regionale che nazionale. Questo pensiero nasce dall’esperienza più che positiva vissuta durante il periodo di formazione, che oltre ad aver acquisito nozioni teorica, osservandomi e svolgendo alcune attività ho avuto modo di apprendere che il gruppo che si era creato era contraddistinto non tanto dalla somiglianza di affinità caratteriali o professionali, ma dalla capacità di essere riusciti a creare gruppo rimanendo ognuno se stesso, ma con la consapevolezza che insieme e uniti possedevamo una forza e una capacità che magari un individuo singolo non riuscirebbe che ci permetteva di raggiungere gli obiettivi dell’attività da svolgere. E se quindi allargassimo questo concetto a tutti noi volontari? Se invece di farlo solo una volta in 12 mesi, lo facessimo spesso? Credo che il beneficio che ne ho tratto io come singola, potrebbe aumentare per ognuno di noi e ampliarsi su tutta la rete del Servizio Civile. Infatti, la possibilità di creare incontri, confronti, ascoltare varie testimonianze, familiarizzare con realtà e progetti diversi può portare ad ottenere ad un consolidamento del gruppo di noi giovani del Servizio Civile, alla nascita di una forte rete di collaborazione diretta, ad una maggiore e funzionale cittadinanza attiva. Infine penso sia essenziale, anche, che ancor prima di fare grandi richieste o cambiamenti si debba essere anche come singolo individuo dei buoni cittadini, avere delle consapevolezze che ci permettano poi con maturità e spirito di collaborazione di svolgere il senso che è poi quello del Servizio Civile: difendere, prestare servizio e salvaguardare il nostro Paese. Sicuramente, anche se a volte, possa apparire all’esterno volerci molto tempo, se tutti nel nostro piccolo applicassimo lo spirito del Servizio Civile il nostro Paese sarebbe ancora migliore. E la storia ce lo dimostra, tutto quello che noi oggi abbiamo l’opportunità di vivere lo dobbiamo a chi in passato si è impegnato, ci ha creduto e si è battuto per ottenere tutto ciò. Ecco noi, io, vorrei che facessimo parte, anche in piccolissima fetta, proprio di quell’ insieme di persone. MARISA GAUDIO Per qualsiasi cosa mi potete contattare alla seguente email: marisagaudio@tiscali.it

Indietro
Header contenuto di destra
sezione regioni e provincie autonome cartina dell'italia Emergenza Covid-19 Archivio storico sull'obiezione di coscienza
regione sardegna regione piemonte regione lombardia regione friuli venezia giulia regione valle d'aosta regione marche regione toscana regione umbria regione lazio regione abruzzo regione molise regione basilicata regione campania regione puglia regione calabria regione emilia romagna regione liguria regione veneto provincia autonoma di bolzano provincia autonoma di trento regione sicilia

Sito ottimizzato per Internet Explorer 9