Servizio Civile Nazionale

 
Header contenuto di sinistra
sezione servizio civile nazionale
sezione servizi online
sezione bandi
sezione banca dati
sezione volontari

ORARIO E SEDE DI SERVIZIO

  1. Quale orario di servizio si deve adottare?
  2. E' possibile una temporanea modifica della sede di servizio?
  3. E' possibile variare l'indirizzo e/o la denominazione di sedi di attuazione progetto su Helios?

  1. Quale orario di servizio si deve adottare?

  2. I progetti ordinari di servizio civile si svolgono nell’arco temporale di 12 mesi e prevedono un orario di attività non inferiore alle 30 ore settimanali, ovvero un monte ore annuo di 1.400 ore; i volontari dovranno essere impiegati in modo continuativo per almeno 12 ore settimanali, da articolare su cinque o sei giorni a seconda di quanto previsto per la realizzazione del progetto. I volontari hanno diritto a 20 giorni di permesso.

    I progetti sperimentali hanno una durata che può variare dagli 8 agli 12 mesi con un orario di attività (rigido) di 25 ore settimanali ovvero un  monte ore variabile da 765 ore (8 mesi) a 1145 ore (12 mesi) in base ai mesi di durata del progetto. I giorni di permesso variano dai 13 ai 20 giorni secondo la durata del progetto.

    Nel computo del monte ore previsto dai progetti rientra il periodo di formazione: al termine dei mesi di validità del progetto, i volontari dovranno avere effettivamente svolto le ore di servizio previste  ed aver usufruito dei giorni di permesso.

    Il monte ore previsto non può essere esaurito prima del termine del progetto, né è possibile tenere in servizio i volontari oltre il periodo di durata dello stesso.

    L'ente deve mantenere per tutta la durata del progetto il numero di ore settimanali ovvero l'orario di servizio riferito al monte ore annuo dallo stesso previsto.

    Sarà cura dell'ente attivare le misure idonee affinché le attività programmate si svolgano nell'arco temporale di riferimento, atteso che per i volontari non è prevista l'applicazione della disciplina dello straordinario, né del recupero di ore aggiuntive superiori a quelle giornaliere previste.
    In casi eccezionali, che non possono essere assunti a sistema di gestione dell'orario dei volontari, atteso che sistematiche protrazioni non sono consentite, ove tale prolungamento dovesse verificarsi, l'ente si attiverà per far "recuperare" le ore in più entro il mese successivo, con l'avvertenza che i giorni effettivi di servizio dei volontari non possono essere inferiori a quelli indicati in sede progettuale. Eventuali variazioni dell'orario sono comunicate al volontario con un preavviso di almeno 48 ore.

    Data ultimo aggiornamento: 07/02/2019
  3. E' possibile una temporanea modifica della sede di servizio?

  4. Si, in due casi:
    1. Qualora sia contemporaneamente previsto nel progetto approvato, sia alla voce "descrizione del progetto e tipologia dell'intervento" che alla voce "eventuali particolari obblighi dei volontari durante il periodo di servizio". L'Ente può impiegare i volontari, per un periodo non superiore ai trenta giorni - previa tempestiva comunicazione al Dipartimento e alle Regioni e alla Province Autonome nei cui albi gli enti sono iscritti - presso altre località in Italia o all'estero, non coincidenti con la sede di attuazione del progetto, al fine di dare attuazione ad attività specifiche connesse alla realizzazione del progetto medesimo (es. soggiorni estivi, mostre itineranti, eventi culturali, momenti formativi supplementari a quanto previsto dal progetto, ecc.).
    Non sono previsti in questo caso rimborsi a carico del Dipartimento per le spese di viaggio, soggiorno, eventuali apposite assicurazioni a garanzia degli spostamenti.
    2. In occasione di emergenze di protezione civile - sia nella fase della calamità che in quella post emergenziale - o di missioni umanitarie. L'Ente può impiegare i volontari, per un periodo non superiore ai trenta giorni - previa acquisizione in forma scritta del loro consenso ed autorizzazione del Dipartimento - presso altre sedi dello stesso Ente in Italia o all'estero, per interventi organizzati dall'Ente stesso. L'ente garantisce il rimborso delle spese di vitto e alloggio nonché delle spese di viaggio limitatamente all'andata e ritorno. Resta a carico dell'Ente la stipula di apposita assicurazione per i rischi connessi alle attività svolte in altre sedi, che non deve gravare sui volontari.

     

    Data ultimo aggiornamento: 07/02/2019
  5. E' possibile variare l'indirizzo e/o la denominazione di sedi di attuazione progetto su Helios?

  6. Gli enti non possono effettuare direttamente le variazioni di indirizzo e/o denominazione di sedi di attuazione progetto sul sistema informatico Helios.
    Gli enti che si trovino nella necessità di modificare l'indirizzo (anche il solo numero civico) ovvero la denominazione delle sedi di attuazione progetto, dovranno inviare al Dipartimento per le Politiche giovanili e il Servizio civile universale per il Servizio Civile o alle Regioni e Province Autonome competenti apposita richiesta scritta, adeguatamente motivata, corredata dalla certificazione relativa alla tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, di cui al Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81.
    Il Dipartimento, le Regioni e le Province Autonome, solo in caso di documentazione completa, provvederanno ad effettuare le variazioni richieste dandone tempestiva comunicazione scritta all'ente richiedente.
    E' tassativamente vietato utilizzare la "nuova" sede di attuazione progetto prima di aver ricevuto l'autorizzazione scritta dell'Amministrazione procedente.

    Data ultimo aggiornamento: 12/03/2019
Header contenuto di destra
sezione regioni e provincie autonome cartina dell'italia Servizio Civile Universale Archivio storico sull'obiezione di coscienza
regione sardegna regione piemonte regione lombardia regione friuli venezia giulia regione valle d'aosta regione marche regione toscana regione umbria regione lazio regione abruzzo regione molise regione basilicata regione campania regione puglia regione calabria regione emilia romagna regione liguria regione veneto provincia autonoma di bolzano provincia autonoma di trento regione sicilia

Sito ottimizzato per Internet Explorer 9