Servizio Civile Nazionale

 
Header contenuto di sinistra
sezione servizio civile nazionale
sezione servizi online
sezione bandi
sezione banca dati
sezione volontari

GRADUATORIE

  1. Come devono essere redatte le graduatorie?
  2. Come devono essere trasmesse al Dipartimento le graduatorie?
  3. Quando le graduatorie provvisorie diventano definitive?

  1. Come devono essere redatte le graduatorie?

  2. L’ente, terminate le procedure selettive, compila le graduatorie dei candidati relative ai singoli progetti, ovvero alle singole sedi di progetto, in ordine decrescente di punteggio attribuito ai candidati, evidenziando quelli utilmente selezionati con riferimento ai posti disponibili.

    Le graduatorie devono tenere conto della sede indicata dal candidato nella domanda; inoltre, devono prevedere specifico riferimento agli eventuali posti con riserva.

    A parità di punteggio è preferito il candidato più giovane di età in relazione a quanto previsto dall’art. 3, comma 7, della legge 15 maggio 1997, n.127, come modificato dalla legge 16 giugno 1998, n. 191.

    Nella graduatoria sono inseriti anche i candidati risultati idonei e non selezionati per mancanza di posti.

    Il mancato inserimento nelle graduatorie, con l’indicazione della motivazione, è tempestivamente portato a conoscenza degli interessati da parte dell’ente, che ne dà contestuale comunicazione al Dipartimento.

    Sono dichiarati idonei a prestare servizio civile, nel progetto per il quale hanno sostenuto le selezioni, i candidati in possesso dei requisiti richiesti e che abbiano ottenuto in seguito al colloquio un punteggio non inferiore alla soglia prevista dal sistema di selezione adottato (per il sistema di selezione di cui decreto 173 dell’11 giugno 2009 del Capo dell’Ufficio nazionale per il servizio civile tale soglia è pari a 36/60).

    Quanti non hanno sostenuto il colloquio o sono stati esclusi per altri motivi sono inseriti in un elenco a parte con la specifica del motivo dell'esclusione e avvisati tempestivamente dall'Ente.

    Le graduatorie redatte sono provvisorie.

    L'Ente pubblica le graduatorie provvisorie sul proprio sito internet e presso le sedi dove sono state effettuate le selezioni apponendo la seguente dicitura: FATTE SALVE LE VERIFICHE DI COMPETENZA DEL DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE GIOVANILI E IL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE.

     

    Data ultimo aggiornamento: 12/03/2019
  3. Come devono essere trasmesse al Dipartimento le graduatorie?

  4. Le graduatorie devono essere trasmesse con duplice modalità: in formato pdf alla casella di posta elettronica certificata dgioventuescn@pec.governo.it e via internet compilando un apposito format di presentazione disponibile sul sistema informatico “UNICO - Helios.”

    Le graduatorie caricate nel sistema informatico devono contenere:

    • l’elenco dei candidati idonei selezionati, avendo cura di evidenziare nelle apposite colonne il punteggio attribuito, la sede dove il volontario dovrà presentarsi il primo giorno di servizio e quella nella quale avrà attuazione il progetto. I campi vanno compilati entrambi anche nel caso in cui le due sedi coincidano;
    • L’elenco dei candidati idonei non selezionati;
    • L’elenco dei candidati non idonei o esclusi dalla selezione.

    L’ente dovrà altresì indicare il numero complessivo delle domande ricevute nell’apposito box presente sul predetto sistema.

    Le graduatorie, sottoscritte dal responsabile del servizio civile nazionale o dal responsabile legale dell’ente, unitamente alla dichiarazione di cui all’Allegato 7, devono essere inviate al Dipartimento via PEC, al seguente indirizzo: dgioventuescn@pec.governo.it, in aggiunta alla seguente documentazione:

    1. domande di partecipazione (Allegato 3) dei soli candidati risultati idonei selezionati;
    2. documenti di identità degli interessati;

    Gli originali devono essere conservati presso l'Ente. 

    Per i candidati idonei non selezionati per mancanza di posti, tale documentazione dovrà essere trasmessa esclusivamente in caso di subentro.

    Gli originali della predetta documentazione sono conservati presso l’ente per ogni necessità del Dipartimento.

    La PEC di trasmissione delle graduatorie deve indicare nell’oggetto: codice dell’ente (NZ…..), denominazione dell’ente, titolo/titoli del/dei progetto/progetti.

    Il termine per la trasmissione delle graduatorie - che devono contenere i dati relativi a tutti i candidati che hanno partecipato alla selezione, compresi quindi gli idonei non selezionati e gli esclusi - è indicato nel bando, e fa riferimento sia alla proceduta Helios”, sia all’invio attraverso PEC, a pena di non attivazione del progetto.

    L’avvio al servizio dei volontari è subordinato all’invio delle graduatorie in entrambi i formati richiesti. Il mancato invio attraverso il sistema informatico “UNICO - Helios” del format di presentazione delle stesse comporta l’impossibilità di avviare il progetto entro la data richiesta dall’ente, anche se la documentazione risulti inviata via PEC entro il termine innanzi indicato.

    Costituisce, altresì, causa di non attivazione del progetto il mancato invio della dichiarazione di cui all’Allegato 7.

    Entro e non oltre lo stesso giorno di trasmissione delle graduatorie al Dipartimento le stesse devono essere pubblicate sul sito internet dell'Ente e nelle sedi dove si sono svolte le selezioni con la seguente dicitura: FATTE SALVE LE VERIFICHE DI COMPETENZA DEL DIPARTIMENTO
    Anche le graduatorie inerenti la selezione di candidati per progetti da realizzare nel territorio regionale presentate da Enti con sede legale nelle Regioni devono essere trasmesse esclusivamente al Dipartimento.

    Data ultimo aggiornamento: 07/02/2019
  5. Quando le graduatorie provvisorie diventano definitive?

  6. Il Dipartimento, utilizzando le graduatorie formulate dagli Enti procede alla verifica in capo ai candidati dei seguenti requisiti:

    • limiti di età
    • possesso della cittadinanza italiana, appartenenza alla Comunità europea , essere cittadino non comunitario regolarmente soggiornante in Italia
    • assenza di condanne penali (condanne con sentenza di primo grado per delitti non colposi commessi mediante violenza contro persone o per delitti riguardanti l`appartenenza a gruppi eversivi o di criminalità organizzata).

    Il Dipartimento verifica altresì che i candidati abbiano presentato una sola domanda e non abbiano già svolto o interrotto il servizio civile.

    Al termine delle verifiche il Dipartimento procede alla approvazione delle graduatorie, che divengono così definitive.

    Gli Enti sono tenuti ad assicurare alle graduatorie definitive adeguata pubblicità al fine di consentire la proposizione di impugnative da parte degli interessati.

    Data ultimo aggiornamento: 07/02/2019
Header contenuto di destra
sezione regioni e provincie autonome cartina dell'italia Servizio Civile Universale Archivio storico sull'obiezione di coscienza
regione sardegna regione piemonte regione lombardia regione friuli venezia giulia regione valle d'aosta regione marche regione toscana regione umbria regione lazio regione abruzzo regione molise regione basilicata regione campania regione puglia regione calabria regione emilia romagna regione liguria regione veneto provincia autonoma di bolzano provincia autonoma di trento regione sicilia

Sito ottimizzato per Internet Explorer 9