Servizio Civile Nazionale

 
Header contenuto di sinistra
sezione servizio civile nazionale
sezione servizi online
sezione bandi
sezione banca dati
sezione volontari

L'ospite che è in noi

Daisy  Doro, 21 gennaio 2013

Il treno è arrivato a destinazione: sono giunta al termine di questo mio STRAORDINARIO VIAGGIO: unico ed irripetibile perché vissuto fino alla fine; ha segnato la mia storia; la storia di una ragazza molto fragile, arrivata all'uscio di quella porta, di quella casa: della Casa di Riposo in cui ho vissuto per un anno. Sono entrata come un esile ramoscello di pianta che voleva scoprire l'essenza della vita, il valore in essa celato; mi sono nutrita di tutta la linfa che quel posto mi ha donato e trasmesso; ed ora esco più ricca che mai. Mi porto appresso tanti bei fiori: una ricchezza tutta mia, che conservo nel "baule della mia storia". Sono cresciuta perché ho incontrato persone che mi hanno insegnato il valore della vita; mi hanno trasmesso il significato della "forza di volontà" per poter affrontare le diverse avversità della vita; mi hanno fatto capire che la sostanza della vita si basa solo ed esclusivamente sull'amore e sulla conoscenza. Ed è proprio quello che ho sperimentato io, in questo anno di Servizio Civile: ho cercato di mettere in gioco tutta me stessa; ho cercato di aprire il cuore al mio prossimo; ad amare ... ma debbo dire la verità che più che dare amore, ne ho ricevuto tanto, ma veramente tanto: e per questo devo solo che dire GRAZIE!

L'anno di Servizio Civile vissuto, mi piace paragonarlo come ad un "viaggio in treno": spesso si sale e si scende, ci sono incidenti, a qualche fermata ci sono delle sorprese piacevoli e a qualcun'altra profonda tristezza. Una volta iniziato il viaggio, non ci lasciamo frenare da nessuno, è il nostro momento, e ce lo assaporiamo fino alla fine; così è il viaggio: pieno di sfide, sogni, fantasie, speranze e addii. Cerchiamo di fare il viaggio nel miglior modo possibile.

Il grande mistero del viaggio è che non sappiamo quando scenderemo definitivamente, e tantomeno quando i nostri compagni di viaggio lo faranno, neanche colui che sta' seduto proprio vicino a noi.

Io penso, che mi dispiacerà tanto, quando scenderò per sempre dal treno; sì, ne sono convinta. La separazione da tutti gli amici che ho incontrato durante il viaggio, sarà dolorosa, lasciare i miei cari da soli, sarà molto triste. Ma ho la speranza che prima o poi arrivi la stazione centrale e ho l'impressione, di vederli arrivare tutti con un bagaglio, che quando erano saliti sul treno ancora non avevano. Ciò che mi renderà felice, è il pensiero, che ho contribuito ad aumentare e arricchire il loro bagaglio impreziosendolo con un semplice, ma pur profondo sorriso; quello che mi è riuscito meglio in quest'anno di Servizio. Adesso, ciò che mi aspetta fuori è il "grande viaggio della vita" , ma sono sicura di essere in possesso di una piccola "marcia in più" per poter affrontare il tutto, quella marcia acquisita grazie a questa straordinaria esperienza, unica ed irripetibile perché vissuta fino alla fine; un grande dono che nostro Dio Padre ha voluto concedermi: GRAZIE!

La volontaria di Servizio Civile, Doro Daisy 

« torna indietro

Header contenuto di destra
sezione regioni e provincie autonome cartina dell'italia Servizio Civile Universale Spot2018 Archivio storico sull'obiezione di coscienza
regione sardegna regione piemonte regione lombardia regione friuli venezia giulia regione valle d'aosta regione marche regione toscana regione umbria regione lazio regione abruzzo regione molise regione basilicata regione campania regione puglia regione calabria regione emilia romagna regione liguria regione veneto provincia autonoma di bolzano provincia autonoma di trento regione sicilia

Sito ottimizzato per Internet Explorer 9