Servizio Civile Nazionale

 
Header contenuto di sinistra
sezione servizio civile nazionale
sezione servizi online
sezione bandi
sezione banca dati
sezione volontari

Interrogazione a risposta scritta 4-02421 (Ceccanti - 15.12.2009)

Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-02421
presentata da
STEFANO CECCANTI
martedì 15 dicembre 2009, seduta n.301

CECCANTI

Al Presidente del Consiglio dei ministri - Premesso che:

la legge 8 luglio 1998, n. 230, "Nuove norme in materia di obiezione di coscienza", all'art. 8, comma 2, lettera e), assegna all'Ufficio nazionale per il servizio civile (UNSC) presso la Presidenza del Consiglio dei ministri il compito di "predisporre, d'intesa con il dipartimento per il coordinamento della protezione civile, forme di ricerca e di sperimentazione di difesa civile non armata e nonviolenta";

l'UNSC ha costituito un comitato "di carattere tecnico e ad elevata specializzazione" con l'intento di coinvolgere soggetti pubblici e privati per garantire l'apporto di specifiche competenze professionali;


il primo "Comitato per la difesa civile non armata e nonviolenta" è stato costituito con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 18 febbraio 2004 successivamente integrato con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 29 aprile 2004 ed ha operato fino al termine della XIV Legislatura;

nel corso della XV Legislatura, il Ministro della solidarietà sociale (al quale erano nel frattempo state assegnate le competenze in materia di servizio civile nazionale) ha confermato, con decreto in data 27 dicembre 2007, il Comitato che ha operato fino al 31 dicembre 2008;

detto Comitato era composto da 16 membri, 6 dei quali rappresentavano le amministrazioni centrali maggiormente coinvolte (i Ministeri degli affari esteri, della difesa, dell'interno, ed il Dipartimento della protezione civile), le Regioni e Province autonome e l'ANCI, mentre i restanti erano stati individuati in quanto rappresentanti di enti di servizio civile ed esperti in materia di difesa civile non armata e nonviolenta, tra cui docenti universitari e responsabili di associazioni pacifiste;

in un'intervista rilasciata nel settembre 2009 al mensile di Pax Christi "Mosaico di pace" l'ex direttore generale dell'UNSC, Diego Cipriani, ha affermato: "lo stesso Comitato per la difesa civile non armata e nonviolenta che era stato ricostituito presso l'Ufficio nazionale per il servizio civile, e nel quale sedevano rappresentanti delle istituzioni e della società civile impegnata sul fronte della nonviolenza, è scaduto a dicembre 2008 e non è stato confermato. E di certo non per ristrettezza di bilancio";


nel rapporto sulla manovra finanziaria per il 2010 realizzato dalla campagna "Sbilanciamoci!" e presentato a Roma il 1° dicembre si legge (a pag. 55): "Occorre altresì riconoscere che l'Ufficio nazionale non ha mai fatto molto per caratterizzare il servizio civile nazionale come difesa della Patria. Anche il Comitato per la Difesa Civile Non Armata e Nonviolenta che ha terminato il suo secondo mandato il 31 dicembre 2008, dopo quasi un anno non è ancora stato rinominato";

nel "Documento relativo alla programmazione finanziaria per l'anno 2009" sottoposto nella primavera 2009 dall'UNSC al parere della Consulta nazionale del servizio civile e della Conferenza Stato-Regioni, si prevede, alla voce n. 63 (ricerca e sperimentazione di nuove forme di difesa civile non armata e nonviolenta), una dotazione finanziaria di 100.000 euro "per le iniziative di ricerca che il Comitato di difesa civile vorrà proporre al Capo dell'Ufficio. Detto comitato, allo stato, è in via di ricostituzione";

secondo quanto riportato dal sito ufficiale del Tavolo ecclesiale sul servizio civile (www.esseciblog), il 30 settembre 2009, intervenendo a Roma al convegno della Conferenza nazionale enti servizio civile "Il futuro del servizio civile. Il servizio civile del futuro", il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega al servizio civile, on. Giovanardi, "ha annunciato l'imminente rilancio del Comitato per la difesa civile non armata e nonviolenta, le cui nomine sono rimaste ferme dallo scorso dicembre",

si chiede di sapere perché non sia stato ricostituito il Comitato e come sia stata spesa la somma di 100.000 euro prevista dalla programmazione economica 2009 per l'Unsc per la ricerca e sperimentazione di nuove forme di difesa civile non armata e nonviolenta.

(4-02421)

* * *

Risposta scritta pubblicata nel fascicolo n. 070
all'Interrogazione 4-02421


RISPOSTA

Preliminarmente si ritiene opportuno segnalare che il Comitato per la difesa civile non armata e non violenta è un organismo di consulenza e supporto all'Ufficio nazionale per il servizio civile ed è stato costituito, sin dal 2004, per avviare l'attività di ricerca e sperimentazione dì nuove forme dì difesa civile non armata e non violenta, così come previsto - dall'articolo 8, comma 2, lett. e), della legge n. 230 del 1998.

Riguardo, in particolare, alla questione della sua ricostituzione si fa presente che nel mese di febbraio 2009 , al termine del mandato (31 dicembre 2008) del precedente Comitato, è stato dato avvio all'iter per la ricostituzione del medesimo organismo. Infatti, sono state predisposte e inviate alle amministrazioni centrali coinvolte le richieste di designazione dei relativi rappresentanti in seno al Comitato.

Dopo aver completato tutte le designazioni richieste e valutato i curricula pervenuti, al fine di individuare gli esperti in materia di difesa civile non armata e non violenta da inserire tra i componenti del Comitato, si è potuto procedere alla predisposizione dello schema di decreto per la ricostituzione del Comitato, che è stato firmato il 19 gennaio 2010.

Tuttavia, necessari tempi tecnici per il perfezionamento dell'intero iter amministrativo hanno rallentato la ricostituzione del Comitato e, pertanto, non hanno consentito di utilizzare le risorse stanziate nel 2009 per il funzionamento dello stesso. Appare chiaro che le suddette risorse saranno riconfermate nel documento di programmazione finanziaria per l'anno 2010. Si segnala, inoltre, che il Comitato, in data 25 febbraio 2010, è divenuto pienamente operativo.

Il Comitato, nella sua nuova costituzione, consta di 18 membri, di cui 6 sono rappresentanti delle principali amministrazioni centrali competenti, delle Regioni e dell'Associazione nazionale dei Comuni italiani e 12 sono esperti in tale materia, scelti tra rappresentanti degli enti, professori universitari e operatori del settore. Ai componenti non spetta alcun compenso, salvo il rimborso delle eventuali spese di viaggio.

Detto organismo, che eserciterà le proprie funzioni fino al 31 dicembre 2011, avrà il compito di elaborare analisi, predisporre rapporti, promuovere iniziative di confronto, al fine di individuare indirizzi o strategie di cui tenere conto nella predisposizione di forme di ricerca e sperimentazione di difesa civile non armata e non violenta.

GIOVANARDI CARLO AMEDEO
Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri

26/02/2010




Allegati:

- Interrogazione n. 4-02421 Ceccanti (.pdf)
Data ultimo aggiornamento: 20/10/2014
Header contenuto di destra
sezione regioni e provincie autonome cartina dell'italia Servizio Civile Universale Archivio storico sull'obiezione di coscienza
regione sardegna regione piemonte regione lombardia regione friuli venezia giulia regione valle d'aosta regione marche regione toscana regione umbria regione lazio regione abruzzo regione molise regione basilicata regione campania regione puglia regione calabria regione emilia romagna regione liguria regione veneto provincia autonoma di bolzano provincia autonoma di trento regione sicilia

Sito ottimizzato per Internet Explorer 9