Servizio Civile Nazionale

 
Header contenuto di sinistra
sezione servizio civile nazionale
sezione servizi online
sezione bandi
sezione banca dati
sezione volontari

FAQ

  1. Chi può presentare progetti?
  2. Quali sono i settori di intervento dei progetti di Servizio Civile Nazionale?
  3. Quali sono le aree di intervento dei progetti di Servizio Civile Nazionale?
  4. Quale è il numero dei volontari per progetti da realizzare in Italia?
  5. Quale è il numero dei volontari per progetti da realizzare all’estero?
  6. Quali sono le figure professionali previste dai progetti da accreditare?
  7. Quali sono le figure professionali previste dai progetti da non accreditare?
  8. Quali sono le incompatibilità delle figure professionali previste dai progetti?
  9. E' possibile svolgere il ruolo di RLEA o OLP per più enti?
  10. E' possibile prevedere l'impiego di RLEA e OLP impegnati sui progetti in corso di realizzazione anche sui progetti da realizzarsi nell'anno successivo?
  11. Come vanno presentati i progetti?
  12. A chi vanno presentati i progetti da realizzare in Italia?
  13. A chi vanno presentati i progetti da realizzare all’estero?
  14. Quando vanno presentati i progetti?
  15. Quali sono i termini di scadenza per la presentazione dei progetti?
  16. Cosa succede se i progetti arrivano dopo i termini indicati?
  17. In caso di errore di spedizione di un progetto, inviato ad una Amministrazione territorialmente non competente cosa succede?
  18. Chi valuta i progetti?
  19. Come avviene la valutazione dei progetti?
  20. Quali sono le anomalie che comportano l’esclusione dalla valutazione dei progetti?
  21. Chi comunica agli Enti l'esito della valutazione dei progetti?
  22. Come viene comunicato agli Enti l'esito della valutazione dei progetti?
  23. Dove vengono pubblicati i risultati della valutazione dei progetti?
  24. Quali sono i progetti che vengono inseriti nell’allegato 1 del bando di selezione dei volontari?
  25. E' possibile presentare congiuntamente da parte di due o più enti iscritti negli albi regionali progetti di SCN?
  26. E' possibile presentare congiuntamente da parte di due o più enti iscritti all’albo nazionale progetti di SCN?

  1. Chi può presentare progetti?

  2. Possono presentare progetti di Servizio Civile Nazionale esclusivamente gli enti iscritti all'albo nazionale o agli albi regionali o delle province autonome di cui all'art. 5 del decreto legislativo del 5 aprile 2002 n.77.

    Data ultimo aggiornamento: 30/10/2014
  3. Quali sono i settori di intervento dei progetti di Servizio Civile Nazionale?

  4. I progetti di Servizio Civile Nazionale possono essere elaborati su sei settori d'intervento: Assistenza, Protezione civile, Ambiente, Patrimonio artistico e culturale, Educazione e patrimonio culturale, Servizio civile all'estero.
    Ciascuno dei settori individua le specifiche aree.
    Data ultimo aggiornamento: 17/07/2014
  5. Quali sono le aree di intervento dei progetti di Servizio Civile Nazionale?

  6. Per il settore ASSISTENZA le aree sono:
    Anziani, minori, giovani, immigrati e profughi, detenuti in misure alternative alla pena ed ex detenuti, disabili, minoranze, pazienti affetti da patologie temporaneamente e/o permanentemente invalidanti e/o in fase terminale, malati terminali, tossicodipendenti ed etilisti in percorso di recupero e/o utenti di interventi a bassa soglia, donne con minori a carico e donne in difficoltà, disagio adulto, attività motoria, esclusione giovanile, razzismo, salute, tossicodipendenza, etilismo, tabagismo, illegalità, abbandono scolastico, analfabetismo di ritorno, devianza sociale, altro.
    Per il settore PROTEZIONE CIVILE le aree sono:
    Prevenzione incendi, interventi emergenze ambientali, assistenza popolazioni colpite da catastrofi e calamità naturali, ricerca e monitoraggio zone a rischio e altro.
    Per il settore AMBIENTE le aree sono:
    Prevenzione e monitoraggio inquinamento delle acque, prevenzione e monitoraggio inquinamento dell'aria, prevenzione e monitoraggio inquinamento acustico, parchi e oasi naturalistiche, tutela e incremento del patrimonio forestale, parchi cittadini, valorizzazione centri storici minori, salvaguardia agricoltura in zona di montagna e altro.
    Per il settore PATRIMONIO ARTISTICO E CULTURALE le aree sono:
    Cura e conservazione biblioteche, valorizzazione storie e culture locali, valorizzazione sistema museale pubblico e privato, turismo culturale, altro.
    Per il settore EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE le aree sono:
    Centri di aggregazione, attività artistiche, animazione culturale verso minori, animazione culturale verso giovani, educazione al cibo, educazione informatica, educazione ai diritti del cittadino, educazione alla pace, lotta all'evasione scolastica, attività di tutoraggio scolastico, interventi di animazione nel territorio, sportelli informa, attività sportiva, minoranze linguistiche e culture locali, altro.
    Per il settore SERVIZIO CIVILE ALL'ESTERO le aree sono:
    Formazione in materia di commercio estero, cooperazione decentrata, cooperazione ai sensi di legge 49/1987, interventi peacekeeping, interventi ricostruzione post conflitto, interventi a seguito di calamità naturali, sostegno comunità di italiani all'estero, assistenza, protezione civile, ambiente, patrimonio artistico e culturale, educazione e promozione culturale, altro.
    Data ultimo aggiornamento: 17/07/2014
  7. Quale è il numero dei volontari per progetti da realizzare in Italia?

  8. In ITALIA, il numero dei volontari da impiegare in ciascun progetto deve essere non superiore a 50 e non inferiore a 4, con minimo 1 volontario per ogni sede di attuazione di progetto. Le Regioni e Province autonome, con Delibera dell'organo di governo possono ridurre a 10 ed a 2 unità rispettivamente il numero massimo ed il numero minimo dei volontari da impiegare nei progetti presentati da enti iscritti nel proprio albo.
    Data ultimo aggiornamento: 17/07/2014
  9. Quale è il numero dei volontari per progetti da realizzare all’estero?

  10. All'ESTERO, il numero dei volontari da impiegare in ciascun progetto deve essere non superiore a 50 e non inferiore a 4, con minimo 2 volontari per ogni sede di attuazione di progetto. 
    Data ultimo aggiornamento: 17/07/2014
  11. Quali sono le figure professionali previste dai progetti da accreditare?

  12. Le figure professionali da accreditare sono:
    - Per gli enti di prima e seconda classe il Responsabile del Servizio Civile Nazionale ed il Selettore;
    - Per tutti gli enti il Formatore e l'Esperto del monitoraggio.
    Data ultimo aggiornamento: 17/07/2014
  13. Quali sono le figure professionali previste dai progetti da non accreditare?

  14. Le figure da non accreditare, i cui curricula devono essere trasmessi unitamente ai progetti, sono il Responsabile Locale di Ente Accreditato (RLEA) e l'Operatore Locale di Progetto (OLP).
    Data ultimo aggiornamento: 17/07/2014
  15. Quali sono le incompatibilità delle figure professionali previste dai progetti?

  16. Il ruolo di RLEA e OLP sono tra loro incompatibili. Tuttavia, ciascuna delle due figure (RLEA e OLP) è compatibile con tutte le restanti figure previste dall'accreditamento. Ad esempio, una persona, avendone i requisiti, può ricoprire i ruoli di Esperto del monitoraggio e Formatore nell'ambito dell'accreditamento (massimo due ruoli) più uno dei ruoli tra OLP o RLEA.
    Data ultimo aggiornamento: 17/07/2014
  17. E' possibile svolgere il ruolo di RLEA o OLP per più enti?

  18. NO. Le attività di RLEA o OLP possono essere effettuate per un solo ente.
    Data ultimo aggiornamento: 17/07/2014
  19. E' possibile prevedere l'impiego di RLEA e OLP impegnati sui progetti in corso di realizzazione anche sui progetti da realizzarsi nell'anno successivo?

  20. Sì, anche se si dovessero verificare limitati periodi di sovrapposizione (inizio dei progetti da avviare, prima del termine dei progetti avviati). Ciò è consentito in considerazione del fatto che gli enti dovrebbero avere le predette figure in numero doppio rispetto al necessario, la cui metà resterebbe inutilizzata per un anno. Sarà cura degli enti, nel fissare l'avvio dei progetti, evitare la sovrapposizione o almeno periodi lunghi di sovrapposizione.
    Data ultimo aggiornamento: 17/07/2014
  21. Come vanno presentati i progetti?

  22. I progetti di SCN devono essere presentati esclusivamente in modalità online.
    L'avvenuta presentazione dei progetti in modalità online è comprovata dalla ricevuta di consegna alla casella PEC del Dipartimento, delle Regioni e delle Province autonome dell'istanza di presentazione dei progetti, corredata dalla dichiarazione sostitutiva concernente la veridicità dei dati e delle informazioni contenute negli stessi e dal documento prodotto dal sistema Helios attestante l'avvenuto inserimento dei progetti e della relativa documentazione.
    Resta obbligatoria la compilazione del format progetti presente nel sistema informatico Helios.

    Data ultimo aggiornamento: 25/11/2014
  23. A chi vanno presentati i progetti da realizzare in Italia?

  24. - Gli enti iscritti all'albo nazionale presentano i progetti a:
    Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale
    Ufficio per il servizio civile nazionale - Via della Ferratella in Laterano 51 - 00184 ROMA
    - Gli enti iscritti negli albi regionali e provinciali presentano i loro progetti agli uffici regionali e provinciali, i cui indirizzi sono reperibili sul sito internet dell'Ufficio nazionale e delle Regioni e Province autonome, dove sono dislocate le proprie sedi di attuazione di progetto accreditate.

    Data ultimo aggiornamento: 17/07/2014
  25. A chi vanno presentati i progetti da realizzare all’estero?

  26. Esclusivamente al Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale - Ufficio per il Servizio Civile Nazionale, indipendentemente dall'albo di iscrizione dell'ente, sia esso nazionale, regionale, o provinciale, con le stesse modalità di quelli da realizzare in Italia.

    Data ultimo aggiornamento: 17/07/2014
  27. Quando vanno presentati i progetti?

  28. I progetti vanno presentati entro i termini fissati dall'apposito "Avviso" del Capo Dipartimento, pubblicato sui siti internet dell'Ufficio e delle Regioni e Province autonome.

    Data ultimo aggiornamento: 03/12/2014
  29. Quali sono i termini di scadenza per la presentazione dei progetti?

  30. I termini sono fissati dall'Avviso del Capo Dipartimento, pubblicato sui siti internet dell'Ufficio e delle Regioni e Province autonome.
    Ai fini dell'individuazione del termine di presentazione del progetto si tiene conto della data di arrivo della PEC.

    Data ultimo aggiornamento: 03/12/2014
  31. Cosa succede se i progetti arrivano dopo i termini indicati?

  32. I progetti pervenuti o inviati via Internet successivamente ai termini indicati non sono presi in considerazione.
    Data ultimo aggiornamento: 17/07/2014
  33. In caso di errore di spedizione di un progetto, inviato ad una Amministrazione territorialmente non competente cosa succede?

  34. Sono esclusi dalla valutazione i progetti degli enti, iscritti nell'albo nazionale o negli albi delle Regioni o delle Province autonome, che erroneamente presentano:
    - al Dipartimento progetti di competenza delle Regioni o Province autonome;
    - alle Regioni e Province autonome progetti di competenza del Dipartimento;
    - a Regioni e Province autonome progetti di competenza di altre Regioni o Province autonome.

    Data ultimo aggiornamento: 03/12/2014
  35. Chi valuta i progetti?

  36. Il Dipartimento valuta i progetti presentati dagli enti iscritti all'albo nazionale e quelli all'estero.
    Le Regioni e le Province autonome valuteranno i progetti presentati dagli enti iscritti nei propri albi e quelli presentati da enti che pur essendo iscritti in albi regionali o provinciali diversi presentano progetti su sedi di attuazione ubicate nel proprio territorio.

    Data ultimo aggiornamento: 03/12/2014
  37. Come avviene la valutazione dei progetti?

  38. La valutazione avviene utilizzando la griglia di valutazione dei progetti di SCN, di cui al DM 30 maggio 2014, allegato 4.
    Le Regioni e Province autonome possono stabilire, con proprio atto programmatorio o delibera di giunta entro 45 giorni prima della scadenza del termine di presentazione dei progetti, criteri di valutazione per un punteggio aggiuntivo a quello massimo complessivo raggiungibile sulla base dei criteri di valutazione adottati dal Dipartimento di non oltre 20 punti.

    Data ultimo aggiornamento: 03/12/2014
  39. Quali sono le anomalie che comportano l’esclusione dalla valutazione dei progetti?

  40.  

    Il Dipartimento, le Regioni e le Province autonome esaminata la documentazione inviata, non procedono alla valutazione di merito dei progetti in presenza anche di una sola delle seguenti anomalie:
    1. progetto presentato da ente non accreditato;
    2. progetto presentato su sedi di attuazione di progetto non accreditate, ovvero escluse in sede di accreditamento o firmato da persone diverse dal responsabile legale dell'ente o dal responsabile del servizio civile di ente accreditato;
    3. assenza della dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà resa ai sensi dell'art.47del DPR n. 445/2000, nella quale chi firma i progetti dichiara che tutte le informazioni ed i dati in essi contenuti corrispondono al vero;
    4. progetto presentato ad uffici diversi da quelli competenti, come ad esempio presentato a Regione diversa da quella di competenza, ovvero presentati ad una Regione o Provincia autonoma ma di competenza del Dipartimento e viceversa;
    5. assenza, ovvero errata o non completa compilazione dell'istanza di presentazione del progetto o sua mancata o non corretta sottoscrizione;
    6. mancato invio dei curricula degli Operatori locali di progetto, dei Responsabili locali di ente accreditato e Formatori specifici;
    7. invio dei curricula relativi alle figure sopra indicate in forma diversa dall'autocertificazione;
    8. mancata sottoscrizione digitale del progetto da parte del responsabile legale dell'ente o del responsabile del servizio civile nazionale dell'ente;
    9. mancata presentazione online dei progetti secondo le modalità di cui al paragrafo 3.2.;
    10. non corretta redazione, nonchè omissione della compilazione di una delle singole voci obbligatorie previste nel format di progetto;
    11. mancato rispetto della soglia minima e massima del numero di volontari per ogni progetto e per ogni sede di attuazione di progetto, di cui ai precedenti paragrafi 1 e 2;
    12. integrazione del compenso, a carico dell'ente, in aggiunta a quello corrisposto dal Dipartimento;
    13. previsione di oneri economici a carico dei volontari;
    14. progetto pervenuto oltre i termini previsti dall'Avviso di cui al precedente paragrafo 3.3.

    Nell'ambito delle attività di valutazione di merito, sono esclusi dalla valutazione di qualità i progetti di Servizio Civile Nazionale nel caso in cui:

    a) le attività previste dai progetti non rientrino in alcuno dei settori contemplati dall'art.1 della legge 6 marzo 2001, n. 64, come specificati nell'allegato 3 al presente prontuario o non siano comunque riconducibili con immediatezza alle finalità della stessa legge n. 64;

    b) i progetti non prendano in considerazione le finalità di formazione civica, sociale, culturale e professionale dei volontari di cui all'art.1, lett. e) della citata legge 6 marzo 2001, n. 64;

    c) risultino assenti, oppure poco chiari o incompleti, in misura da non consentire una compiuta e completa valutazione del progetto, i seguenti elementi previsti dalla scheda progetto:
    1) descrizione del contesto territoriale e/o dell'area di intervento ed identificazione dei destinatari e dei beneficiari;
    2) obiettivi del progetto;
    3) descrizione del progetto, e tipologia degli interventi previsti, modalità di impiego dei volontari;
    4) monitoraggio delle attività previste e della formazione generale e specifica;
    5) modalità e contenuti della formazione generale e specifica dei volontari;
    6) descrizione del contesto socio-politico ed economico del paese dove si realizza il progetto (per i soli progetti all'estero);
    7) particolari condizioni di rischio connesse alla realizzazione del progetto ed accorgimenti adottati per garantire i livelli minimi di sicurezza e di tutela dei volontari (per i soli progetti all'estero);
    8) mancata indicazione degli operatori locali di progetto; assenza dei requisiti richiesti per rivestire il ruolo di operatore locale di progetto; mancato rispetto del rapporto tra numero di volontari e numero di operatori locali di progetto; impossibilità di riferire esattamente l'operatore locale di progetto alla sede di attuazione in cui è impiegato;
    9) mancata o insufficiente indicazione delle risorse tecniche e strumentali e delle risorse umane sotto il profilo qualitativo e quantitativo;
    10) progetti articolati su più settori, ancorché la codifica alla voce 5 della scheda progetto riconduca l'intervento ad un solo settore di quelli previsti dall'allegato 3 al presente Prontuario;
    11) mancata indicazione del Responsabile locale di ente accreditato quando previsto; assenza dei requisiti richiesti per rivestire il ruolo di Responsabile locale di ente accreditato; mancato rispetto del rapporto tra numero di volontari richiesti nella singola provincia e numero di Responsabile locale di ente accreditato; impossibilità di riferire esattamente il Responsabile locale di ente accreditato alle sedi di attuazione di progetto che è competente a seguire;
    12) indicazione di un numero di volontari superiore a quello massimo previsto per la classe di iscrizione all'albo nazionale o regionale e provinciale;
    13) indicazione del tempo dedicato alla formazione specifica e generale diversa dalle ore (es. giorni, settimane, mesi);
    14) mancato rispetto delle soglie minime e massime dei giorni di servizio e dell'orario minimo settimanale o del monte ore annuo di servizio dei volontari, di cui al precedente paragrafo 1;
    15) durata della formazione generale e specifica prevista per i volontari inferiore alla soglia minima fissata rispettivamente in 30 e 50 ore;
    16) durata della formazione complessiva (generale più specifica) prevista per i volontari inferiore alla soglia minima delle 80 ore e mancato rispetto della soglia massima fissata in 150 ore annue, di cui al precedente paragrafo 1;
    17) assenza delle competenze dei formatori specifici in relazione alle attività previste dal progetto, ovvero non attinenti a queste ultime;

    d) siano previsti requisiti per l'accesso che non siano giustificati dalle caratteristiche del progetto. La residenza non può in ogni caso essere considerata motivo discriminante per l'accesso o dar luogo a preferenza;

    e) il progetto sia palesemente inefficace in relazione agli obiettivi dichiarati, o presenti una evidente incoerenza tra gli elementi che lo costituiscono;

    f) il progetto sia autoreferenziale, con obiettivi ed attività ad esclusivo o prevalente vantaggio dell'ente attuatore o presentatore, ovvero incentrato sulla crescita del volontariato o del servizio civile nazionale;

    g) progetti palesemente simili in relazione alle voci 6, 7, 8 e 25 per i progetti in Italia e alle voci 6, 7, 8, 9 e 33 per i progetti all'estero presentati dallo stesso ente;

    h) siano violate le disposizioni di cui all'allegato 5 al presente Prontuario in materia di requisiti ed incompatibilità delle figure impegnate nella realizzazione dei progetti.

    I progetti sono esclusi dalla valutazione di qualità anche in presenza di uno solo dei casi innanzi elencati.

    Data ultimo aggiornamento: 03/12/2014
  41. Chi comunica agli Enti l'esito della valutazione dei progetti?

  42. Il Dipartimento ed i competenti uffici regionali e provinciali, valutati i progetti, danno tempestiva comunicazione agli enti proponenti sia dei progetti approvati, che dei progetti inammissibili o valutati negativamente.

    Data ultimo aggiornamento: 30/10/2014
  43. Come viene comunicato agli Enti l'esito della valutazione dei progetti?

  44. Al termine del procedimento di valutazione in base ai punteggi ottenuti dai singoli progetti è costituita una graduatoria provvisoria pubblicata sul sito internet del Dipartimento, contenente il dettaglio dei punteggi per ogni progetto. Avverso tale graduatoria gli enti possono presentare le proprie eccezioni motivate entro 15 giorni dalla pubblicazione. Entro i successivi 20 giorni, tenuto conto delle eccezioni sollevate dagli enti, il Capo del Dipartimento approva la graduatoria definitiva, che sarà pubblicata sul sito dell'Ufficio,unitamente al provvedimento di approvazione.

    Data ultimo aggiornamento: 25/11/2014
  45. Dove vengono pubblicati i risultati della valutazione dei progetti?

  46. Approvata la graduatoria definitiva, il Dipartimento ed il competente Servizio civile delle Regioni e Provincie Autonome pubblicheranno sul proprio sito internet l'elenco dei progetti approvati da inserire nei bandi.

    Data ultimo aggiornamento: 25/11/2014
  47. Quali sono i progetti che vengono inseriti nell’allegato 1 del bando di selezione dei volontari?

  48. Quelli approvati e finanziati. Sono finanziati i progetti con il punteggio più elevato sino alla concorrenza delle risorse disponibili per l'anno considerato.
    Data ultimo aggiornamento: 17/07/2014
  49. E' possibile presentare congiuntamente da parte di due o più enti iscritti negli albi regionali progetti di SCN?

  50. Si. Per gli enti iscritti negli albi regionali e provinciali è possibile la co-progettazione solo su sedi di attuazione di progetto ubicate nel territorio della stessa Regione o Provincia Autonoma.
    Data ultimo aggiornamento: 17/07/2014
  51. E' possibile presentare congiuntamente da parte di due o più enti iscritti all’albo nazionale progetti di SCN?

  52. NO.
    Data ultimo aggiornamento: 17/07/2014
Header contenuto di destra
sezione regioni e provincie autonome cartina dell'italia Servizio Civile Universale Spot2018 Archivio storico sull'obiezione di coscienza
regione sardegna regione piemonte regione lombardia regione friuli venezia giulia regione valle d'aosta regione marche regione toscana regione umbria regione lazio regione abruzzo regione molise regione basilicata regione campania regione puglia regione calabria regione emilia romagna regione liguria regione veneto provincia autonoma di bolzano provincia autonoma di trento regione sicilia

Sito ottimizzato per Internet Explorer 9