Servizio Civile Nazionale

 
Header contenuto di sinistra
sezione servizio civile nazionale
sezione servizi online
sezione bandi
sezione banca dati
sezione volontari

RINUNCE, SUBENTRI, INTERRUZIONI DEL SERVIZIO

  1. Quali sono le procedure che l'Ente deve adottare per effettuare il subentro di volontari?
  2. Quali sono gli adempimenti di un Ente a seguito di rinunce, interruzioni del servizio civile o dimissioni presentate da un volontario?
  3. E' consentita la sostituzione di volontari?

  1. Quali sono le procedure che l'Ente deve adottare per effettuare il subentro di volontari?

  2. L'Ente dovrà formulare al Dipartimento della gioventù e del Servizio civile nazionale la richiesta di sostituzione, provvedendo ad indicare il nominativo del primo volontario "idoneo non selezionato" che segue nella graduatoria (dopo averne acquisito la disponibilità). Nel caso di pluralità di sedi del progetto approvato, le sostituzioni dovranno essere fatte in base alle graduatorie riferite a ciascuna sede. Contestualmente l'ente dovrà far pervenire la documentazione indicata nel bando di selezione (domanda del volontario di partecipazione alla selezione, fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità). 
    Il Dipartimento prenderà in considerazione esclusivamente le richieste di sostituzione che perverranno entro l'ottantesimo giorno dalla data di inizio del progetto.
    In presenza di rinunce o interruzioni del servizio da parte dei volontari, gli Enti non possono chiamare in servizio, pur nel rispetto della graduatoria, i volontari che non siano in possesso del provvedimento di avvio al servizio a firma del Capo Dipartimento della gioventù e del Servizio civile nazionale.

    Data ultimo aggiornamento: 01/12/2015
  3. Quali sono gli adempimenti di un Ente a seguito di rinunce, interruzioni del servizio civile o dimissioni presentate da un volontario?

  4. Le rinunce ad assumere servizio, da parte dei candidati selezionati, e le interruzioni (es. malattia oltre i 30 gg.) devono essere segnalate a cura dell'Ente al Dipartimento della gioventù e del Servizio civile nazionale, entro cinque giorni, per posta elettronica certificata dgioventuescn@pec.governo.it, sia al Servizio assegnazione e gestione che al Servizio amministrazione e bilancio, in considerazione dei riflessi sul trattamento giuridico ed economico degli interessati.
    Analoga comunicazione deve essere tempestivamente effettuata qualora il volontario manifesti la propria volontà di ritirarsi dalla collaborazione nel progetto (allegando copia della lettera di dimissioni) e in ogni caso di interruzione del rapporto di servizio civile senza giustificato motivo, per consentire al Dipartimento l'azione dei conseguenti provvedimenti.
    Per gli enti iscritti negli albi regionali e delle province autonome la comunicazione da parte degli enti va estesa alle Regioni e alle Province autonome di riferimento. L'ente di impiego è tenuto a comunicare mensilmente al Dipartimento, tramite il sistema informatico Helios, tutte le assenze dei volontari che comportano una decurtazione del compenso, comprese quelle per maternità. Devono, altresì, essere comunicate le assenze per infortunio che, si ricorda, non comportano decurtazione del compenso. Si fa presente che ciascun ente deve validare mensilmente tutte le presenze in via informatica digitando l'apposito tasto di conferma.
    Il Dipartimento si riserva di chiedere all'Ente, mediante idonea azione di rivalsa, il rimborso delle spese sostenute per il recupero di eventuali somme indebitamente erogate al volontario a causa della ritardata segnalazione di eventi interruttivi del servizio.

    Data ultimo aggiornamento: 01/12/2015
  5. E' consentita la sostituzione di volontari?

  6. La sostituzione dei volontari è consentita esclusivamente entro i primi tre mesi dalla data di avvio del progetto e comunque entro il tempo utile affinché i subentranti svolgano almeno nove mesi di servizio civile nei seguenti casi:
    - a seguito di rinunce prima dell'avvio del progetto 
    - a seguito di interruzione del servizio 
    - per malattia (non dovuta a causa di servizio e superiore a trenta giorni) 
    La durata del servizio civile dei volontari subentranti è ridotta al periodo che intercorre dalla data di assunzione in servizio fino al termine del progetto; l'eventuale ulteriore permanenza non è riconosciuta ai fini del trattamento economico, previdenziale ed assicurativo.

    Al fine di consentire al Dipartimento di espletare le procedure necessarie per assicurare i regolari subentri degli idonei in graduatoria, saranno prese in considerazione esclusivamente le richieste di sostituzione che perverranno, complete di tutta la documentazione, entro l’ottantesimo giorno dalla data di inizio del progetto (D.M. 22 aprile 2015 Prontuario Enti Volontari- punto 4.2)

    Data ultimo aggiornamento: 01/12/2015
Header contenuto di destra
sezione regioni e provincie autonome cartina dell'italia Servizio Civile Universale Archivio storico sull'obiezione di coscienza
regione sardegna regione piemonte regione lombardia regione friuli venezia giulia regione valle d'aosta regione marche regione toscana regione umbria regione lazio regione abruzzo regione molise regione basilicata regione campania regione puglia regione calabria regione emilia romagna regione liguria regione veneto provincia autonoma di bolzano provincia autonoma di trento regione sicilia

Sito ottimizzato per Internet Explorer 9