Benvenuti nel sito del Servizio Civile Nazionale

Sei in Home > Dipartimento della gioventù e del Servizio Civile Nazionale > Notizie > Scheda notizia


Il Ministro Andrea Riccardi: reperiti nuovi fondi per il Servizio Civile Nazionale
(13-06-2012)

Reperiti 50 milioni per il Servizio Civile Nazionale

 L’intervento del Ministro Andrea Riccardi nell’incontro tenuto con i giornalisti il 12 giugno 2012 presso la sala monumentale di Largo Chigi.

 In questi mesi di Governo ho avuto modo di conoscere da vicino la realtà del Servizio Civile Nazionale e debbo dire che mi ha positivamente sorpreso: in un’epoca segnata spesso dall’interesse e dal profitto, il Servizio Civile rappresenta un’isola di gratuità e di altruismo.

Il Servizio Civile Nazionale si realizza attraverso l’impegno dei giovani tra i 18 ed i 28 anni in progetti mirati a salvaguardare il rapporto tra le istituzioni ed i cittadini e a favorire la realizzazione dei principi costituzionali della solidarietà (art. 2 Cost.), dell’uguaglianza sostanziale (art. 3 Cost.), del progresso materiale o spirituale della società (art. 4 Cost.), a promuovere lo sviluppo della cultura e la tutela del paesaggio e del patrimonio storico ed artistico della Nazione (art. 9 Cost.) e la pace tra i popoli (art. 11 Cost.).

In questi dieci anni di vita il servizio civile ha coinvolto 284.596 giovani impegnati nella realizzazione di progetti in diversi settori (assistenza, protezione civile, ambiente, patrimonio artistico e culturale, educazione e promozione culturale, e servizio civile all’estero) favorendo la solidarietà e la coesione sociale. Il Servizio civile ha coinvolto oltre 14.000 enti pubblici e privati, iscritti a vario titolo all’Albo nazionale e agli Albi delle Regioni e delle Province autonome, che da un lato si pongono come punto di riferimento delle singole realtà e dall’altro tessono la tela dei legami delle comunità con particolare riferimento a quelli tra i cittadini e le Istituzioni.

 Il valore educativo del Servizio Civile Nazionale porta i giovani a sperimentare e praticare con maggior consapevolezza la cittadinanza attiva, sviluppando il senso civico ed una maggiore percezione dei valori democratici.

L’azione dei giovani volontari apporta importanti benefici  alle categorie più svantaggiate dei cittadini (portatori di handicap, immigrati, bambini difficili, malati terminali,ecc.) e e al patrimonio pubblico (beni culturali e ambientali, protezione civile, promozione dei diritti e della pace).

 Questo che considero un  bene prezioso per la Repubblica e per  la collettività  è stato sul punto di scomparire  a causa dei tagli apportati al Fondo del Servizio Civile Nazionale dalla legge di stabilità del 2011.

 Gli effetti dei predetti tagli già si sono fatti sentire in modo rilevante, costringendo allo scaglionamento delle partenze del bando 2011e rendendo impossibile la presentazione dei progetti per l’anno 2012.

Il rischio che abbiamo corso è stato quello di chiudere il Servizio Civile Nazionale.

Di fronte a questo quadro, nei mesi addietro ho cercato di sensibilizzare i colleghi del Governo sul problema, ma tutti conosciamo la situazione economica e finanziaria in cui versa il Paese, estremamente critica e grave.

 Tuttavia non mi sono arreso, non mi sembrava e non mi sembra giusto chiudere una esperienza pionieristica in Europa e un’istituzione che lo Stato, purtroppo parco di interventi in questo senso, dedica in via esclusiva ai nostri giovani.

 Dopo un’attenta e faticosa ricognizione nell’ambito del bilancio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, nei capitoli di mia competenza, siamo riusciti a reperire le risorse finanziarie aggiuntive per il Servizio Civile Nazionale per un importo pari a 50 milioni di euro a valere sull’esercizio finanziario 2012.

 Queste nuove risorse serviranno a stabilizzare il servizio civile nel biennio 2013 – 2014, come d’altra parte auspicato dalla Consulta Nazionale per il Servizio Civile nella seduta del 6 giugno 2012.

Le proiezioni effettuate dall’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile hanno quantificato in 18.810 unità i volontari che è possibile avviare al servizio, di cui 450 all’estero , per ciascun anno del biennio considerato.

 Inoltre, ho chiesto ufficialmente al MEF, tramite l’Ufficio nazionale, di integrare la dotazione finanziaria del Fondo nazionale per il servizio civile fino a 120 milioni di euro per ciascun anno del triennio 2013 – 2015.

 Il reperimento di questi fondi ha rappresentato  stato uno sforzo finanziario notevole, che costringerà altri settori affidati alle mie competenze a duri sacrifici. Ma credo ne valesse la pena. Ho sempre considerato il servizio civile una priorità della mia azione di governo.

Data ultimo aggiornamento: 25/06/2012