Benvenuti nel sito del Servizio Civile Nazionale

Sei in Home > Dipartimento della gioventù e del Servizio Civile Nazionale > Comitato DCNAN > Documenti per l'approfondimento > Vari > Scheda documento


Parte a Palazzo Chigi la «difesa non armata» (Liverani, 2004)

Parte a Palazzo Chigi la "difesa non armata"

Luca Liverani

"Avvenire" 12 maggio 2004

 

La difesa nonviolenta diventa affare di Stato. Ieri a Palazzo Chigi si è riunito per la prima volta il "Comitato consultivo per la difesa civile non armata e nonviolenta".

Alla presenza del ministro con delega per il servizio civile Carlo Giovanardi e del direttore dell'Ufficio nazionale del servizio civile (Unsc) Massimo Palombi, il comitato come primo atto ha scelto il presidente nella persona del professore Antonino Drago, figura storica del pacifismo italiano e del vicepresidente, il professore Pierluigi Consorti. Prossimo appuntamento il 25 maggio.

L'input per la nascita dell'organismo viene da lontano, dalla legge 230 che nel 1998 riformò il servizio civile degli obiettori togliendone la gestione alla Difesa. L'articolo 8, comma 2, lettera e) della legge attribuisce infatti all'Unsc, istituito allora, di "predisporre, d'intesa con il Dipartimento per il coordinamento della protezione civile, forme di ricerca e di sperimentazione di difesa civile non armata e nonviolenta". Ci sono voluti sei anni e le pressioni delle associazioni pacifiste, ma ora la difesa alternativa a quella militare muove formalmente i suoi passi.

Sedici i membri del Comitato: due rappresentanti del ministero della Difesa, uno dell'Interno, della Protezione civile, dell'Ufficio del servizio civile, dell'Anci. Poi esponenti del mondo dell'associazionismo (tra cui Gavci, Caritas, Lega obiettori di coscienza, Associazione Giovanni XXIII) e docenti universitari quali Rodolfo Venditti oltre al presidente e al vice.

Per Roberto Minervini della Loc "ora è importante che il Comitato studi le esperienze di difesa nonviolenta attuate in questi anni nel mondo. Una pista di lavoro concreta - dice- potrebbe essere la formazione dei volontari del servizio civile, attraverso la valorizzazione dei Caschi Bianchi, obiettori e volontari inviati all'estero da alcuni enti su fronti caldi quali Bosnia o Ruanda".

 

Data ultimo aggiornamento: 10/03/2008




Allegati:

- Parte a Palazzo Chigi (Liverani) (.pdf)